Pnei System e organo adiposo

La misurazione del grasso corporeo e la sua localizzazione distrettuale costituiscono un’importante contributo alla comprensione della dinamica endocrino-metabolica dei pazienti.
Le importanti connessioni che l’organo adiposo ha con il sistema immunitario ed endocrino giustificano la definizione di “organo”.
La fine regolazione della rete Pnei avviene a livello della matrice connettivale di cui l’organo adiposo è parte. Nell’organo adiposo possono essere presenti metaboliti tossici che inevitabilmente vi si accumulano in assenza di emuntori efficienti (fegato, rene, pelle e mucose).
Meno noto è il rapporto tra organo adiposo e comportamenti depressivi. In particolare, un interessante articolo a cura di Bruce McEwen della Rockfeller University, datato maggio 2012, sottolinea il ruolo del deficit di adiponectina (adipochina prodotta dall’organo adiposo) nella predisposizione a comportamenti depressivi. La depressione si associa spesso a disturbi metabolici come il diabete di tipo 2; l’adiponectina ha proprietà anti-diabetiche e insulino-sensibilizzanti.
Questa ricerca dimostra che i livelli di adiponectina plasmatici sono ridotti in pazienti con stress cronico, così come il grado di interazione sociale. La carenza di adiponectina darebbe, quindi, luogo ad un comportamento caratterizzato da anedonia e sensazione di impotenza, cui si associa peraltro anche un’alterazione del feedback steroidomediato dell’asse HPA (ipotalamo, ipofisi e surrene).
La somministrazione di adiponectina esogena produceva degli effetti comportamentali di tipo anti depressivo sia in topini normopeso che in topini resi obesi dalla dieta. Questi dati quindi, aprirebbero nuovi orizzonti nella terapia dei disturbi depressivi.