Pnei (PsicoNeuroEndocrinoImmunologia): evoluzione obbligata della medicina moderna?

La Pnei costituisce il volto nuovo della medicina moderna. Subentrando ad un modello riduzionista, che penalizza la visione sistemica dell’uomo, la Pnei sempre di più si attaglia a soddisfare le esigenze culturali di ogni medico e operatore della salute che non possa non considerare un paziente un’identità mente-corpo.
La Pnei che già dagli anni ‘90 dimostrava la sostanziale equivalenza tra sistema nervoso e sistema immunitario, che poneva l’accento sul ruolo degli stressori (cognitivi e non) sullo sviluppo delle malattie e soprattutto che associava queste ultime alla visione della realtà di ogni singolo individuo, è oggi l’unica possibile evoluzione dell’obsoleto paradigma medico riduzionista.
L’acquisizione dei fondamentali di fisiopatologia Pnei e lo sviluppo di un nuovo concetto di terapia che non sia soltanto basato sul farmaco (medicina convenzionale e non convenzionale secondo una sintesi sapiente), ma che abbracci anche il cibo e la postura, l’attività fisica e la vita psichica dell’individuo, costituiscono un “must” per ogni professionista che intenda adeguarsi ai tempi e offrire ai suoi pazienti strumenti di guarigione avanzati, moderni, privi di effetti collaterali e di sicura efficacia.